marzo 26, 2019 News Nessun commento

Domenica 7 aprile, a partire dalle 10, seconda apertura stagionale del parco ludico tecnologico e ambientale.

Dopo un’apertura all’insegna della natura e della vivacità, secondo appuntamento stagionale all’aria aperta: venite ad affacciarvi al balcone naturale più bello di Reggio Calabria. I colori, gli odori e i suoni di Ecolandia vi aspettano per le prime di una lunga serie di giornate festive in cui la fantasia sarà sollecitata da scorci suggestivi e panorami incantevoli sullo Stretto. Dalla piazza d’armi al chiosco, dall’area Terra agli spazi ludici, 10 ettari di “libertà” si stanno lentamente trasformando, grazie ad un’azione di manutenzione straordinaria per offrire agli ospiti il massimo del comfort e della sicurezza.

Agli angoli familiari come le giostrine sotto il cipresseto, le passeggiate e la pista ciclabile (a proposito… ricordatevi di portare le biciclette dei vostri figli…) si affiancheranno da subito delle novità. Prima fra tutti la nuova installazione che diventerà il futuro “Bosco della Contemplazione”, un punto panoramico dal quale lo Stretto non si potrà guardare ma, appunto, si dovrà contemplare. Il grande Tau che funge da platea inviterà ad abbracciare con lo sguardo il punto di incontro degli elementi: l’aria, l’acqua, la terra e il fuoco trovano perfetto equilibrio alle falde dell’Etna che si staglia quietamente sullo sfondo.

E poi, più giù, le Stanze della Terra: una installazione che abbellisce la parte meridionale del parco e costituisce un altro punto di sosta importante.

Le due opere rappresentano altrettante tappe di un tracciato esperienziale basato sull’enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco. Un percorso che invita a riflettere sul rapporto tra uomo e natura e che rafforza la mission valoriale del Parco.

I prati, le panchine vi aspettano per i vostri pic-nic, magari nell’area ludica del Chiosco appositamente allestito per una ristorazione leggera ma gustosa.

Nel pomeriggio vi consigliamo un giro alla voliera per salutare i nostri rapaci e alla Tela di Penelope da dove parte la zattera di Ulisse per un viaggio sull’unico fossato navigabile dei forti umbertini. Ci sarà poi tempo per un’esplorazione del Parco a bordo del nostro ecobus e se vi attarderete al tramonto sulla torretta settentrionale di Forte Gullì avrete il privilegio di vedere l’armonia naturale della luce trasformarsi in magia.

E, a breve, tante altre sorprese!

Written by Marcello Spagnolo