luglio 9, 2017 Eventi, Musica Nessun commento

Stasera, al Parco Ecolandia, in scena la seconda serata della Festa del Cantastorie, un viaggio nella musica e nelle tradizioni dei Cantori del Sud. Si concluderà così una tre giorni iniziata venerdì scorso al Museo della Cultura e Musica popolare di Messina, e da ieri nel bellissimo scenario del Parco Ecolandia di Arghillà, a Reggio Calabria.

Un viaggio tra i racconti che vanno da Palermo all’Aspromonte, per riscoprire il territorio, la sua storia , le tradizioni delle tradizioni popolari.
Un Festival dei Cantastorie che intende rivalutare la figura del cantastorie nella cultura popolare del Sud d’Italia, e al tempo stesso raccontare e valorizzare i siti di maggior interesse dell’area dello Stretto.

Un progetto importante, finalizzato a valorizzare questa figura di artista, che rischia di scomparire in un mondo improntato alla vita 2.0, e che si concretizza nella prospettiva di candidare la figura del Cantastorie a Patrimonio dell’umanità Unesco.

Stasera al Parco Ecolandia, ancora un’occasione per dare valore all’identità ed alla ricchezza culturale della nostra terra.

PROGRAMMA DOMENICA 9 LUGLIO – “Spettacolo dei Cantastorie”
PARCO ECOLANDIA

Ore 19,00
La danza dei rapaci” di Lady Hawk

Mostra dei cartelloni dei Cantastorie

Occhi sullo Stretto” Fotoracconto di Enzo Penna

Ore 20,00
Per pochi eletti” Performance dei Cantastorie nelle Stanze del Forte

Ore 21,30
Spettacolo dei Cantastorie

Si esibiranno:

Carlo Barbera (Nizza Sicilia)
Luigi Di Pino (Riposto)
Alfio Patti (Catania)
Sara Cappello (Palermo)
Fulvio Cama (Reggio Cal)
Alessandro Nicolosi (Paternò)
Enzo Caruso (Messina)
Nando Brusco (Belmonte Calabro)
Natalia Silvestro (Ali Terme)
Filippo Cavallaro (Messina)
Nino Pracanica (Milazzo)

MUSICISTI:
Giacomo Farina
Gino Biundo
—————–
Direzione Artistica: Fulvio Cama
Direzione Organizzativa: Giuseppe Marasco
—————-
Con il Patrocinio dell’Unione Cantastorie
Con il Patrocinio del Comune di Messina

Evento inserito nella rete dei Festival CALABRIASONA
Evento inserito nel Face Festival

Written by Marcello Spagnolo